Come trovare la propria passione in 10 passi

Trovare-propria-passione

Seguire la tua passione può essere difficile, ma capire qual è può essere ancora peggio. Trovare la propria passione e magari riuscire a guadagnarsi da vivere grazie ad essa è qualcosa di raro e meraviglioso, spesso però non riesci a capire cosa ti piacerebbe fare.

Sembra strano, perché ti hanno sempre detto che la passione è innata, che tutti ne hanno una, e che non può essere spiegata. In un certo senso è vero. Ma allora perché ci sono così tante persone che la mattina non si svegliano motivate? Difficile essere motivati quando bisogna svegliarsi alle 7 di mattina per andare a fare un lavoro che detesti, che magari neanche hai scelto.

La fretta può rovinare tutto. Ci sono ragazzini che mollano la scuola perché hanno fretta di divertirsi; ragazzi che non scelgono l’università o il lavoro che amano perché hanno fretta di guadagnare soldi o di avere tempo libero; adulti che non stanno vivendo la vita che vorrebbero perché hanno avuto fretta, di trovare un lavoro e sistemarsi, di comprare casa, di vivere una routine che oggi odiano.

Trovare la propria passione in tutto questo diventa difficile. Se è vero quindi che è innata e che chiunque ne ha una, è anche vero che siamo stati inconsciamente abituati fin da piccoli a sopprimerla.

Questo elenco di 10 passi ti aiuterà a capire, riscoprire e trovare quale sia sempre stata la tua passione. Solo una cosa: devi essere assolutamente onesto con te stesso, altrimenti non funzionerà.

1. In cosa sei bravo?

Pensaci bene, non avere fretta nel rispondere. Avrai sicuramente mostrato di avere un’abilità o un talento, magari quando eri molto giovane, come alle elementari. Sono certo che hai una sorta di attitudine. Sei sempre stato un bravo…? Scrittore, disegnatore, organizzatore, costruttore, insegnante, amico? Magari hai sempre avuto idee creative? Sei bravo a socializzare e a far socializzare? Sei bravo nel giardinaggio, nella vendita?

Ora fermati e prenditi almeno 30 minuti, esaminando bene questa domanda. Spesso dimentichiamo cosa abbiamo fatto bene in passato, o cosa stiamo facendo bene senza neanche accorgerci. Questa è esattamente la definizione di talento: essere talmente bravi in qualcosa che la facciamo senza neanche rendercene conto.

Prendi carta e penna e fai un elenco. Ne approfitto per consigliarti di riscoprire il potere di scrivere fisicamente su un foglio, piuttosto che utilizzare le note del telefono.

Ci vediamo tra mezz’ora per il prossimo punto.

2. Cosa ti emoziona?

Questa è più difficile. Potrebbe essere qualcosa sul lavoro, una piccola parte del tuo lavoro che ti fa emozionare, che ti eccita; oppure qualcosa che fai al di fuori del lavoro, come un hobby o un lavoro secondario… qualcosa che fai come volontario, come genitore o come amico. Potrebbe anche essere qualcosa che non fai più da un po’ di tempo, qualcosa appartenente al tuo passato. Quest’ultima possibilità è in genere la comune, ma pensa bene a tutte le eventualità.

Anche in questo caso pensaci minimo 15 minuti e continua a scrivere la tua lista, non avere fretta in questa fase.

3. Cosa leggi?

Cosa hai letto per ore online? Quali sono le riviste che non vedi l’ora di leggere? Quali blog segui? Se vai in libreria, qual è la sezione che vai a consultare per prima? Aggiungi tutti gli argomenti alla tua lista, anche se non c’entrano nulla con ciò che hai scritto finora.

4. Cosa hai sempre sognato?

Potresti avere un lavoro da sogno che hai sempre desiderato fare, ma a cui sei stato costretto a rinunciare per paura, insicurezza o altro. Potresti averne anche più di uno: romanziere, artista, designer, programmatore, architetto, dottore, imprenditore. Aggiungili alla lista, anche quelli meno realistici.

5. Impara, chiedi, prendi appunti.

Ora che hai una lista completa, scegli quella cosa che ti emoziona di più. Questo sarà il tuo primo candidato. Adesso comincia a cercare informazioni a riguardo, prova a parlare con persone che hanno avuto successo in quel campo, anche solo attraverso il loro blog se ne hanno uno.

A questo punto fai un elenco di abilità che vuoi imparare e su quelle che devi migliorare, poi inserisci nella lista le persone con cui parlare. Studia l’argomento il più possibile, ma non far passare troppo tempo prima di agire.

6. Sperimenta, prova.

Perché ti ho sempre detto di dare maggiore importanza all’azione che alla teoria? Perché è qui che avviene il vero apprendimento. Se non lo hai già fatto, inizia a fare la cosa che hai scelto. Inizia adesso, fallo e basta. Puoi iniziare senza dire nulla a nessuno, ma rendilo pubblico il prima possibile, fallo sapere appena ne hai l’occasione. In questo modo sarai motivato a migliorare e avrai anche dei feedback utili. Fai attenzione a come ti senti nel pensare di doverlo rendere pubblico, è qualcosa che ti eccita e che non vedi l’ora di condividere?

7. Restringi il campo.

Ti consiglio di scegliere 3 elementi dalla tua lista e di ripetere i passaggi 5 e 6 anche con essi. Non stiamo parlando di qualcosa che si fa in pochi minuti. Informarti e provare tutti e tre i punti che hai scelto potrebbe richiedere anche più di un mese.

Adesso devi chiederti: quale ti eccita di più? Quale tra questi potrebbero aiutarti a produrre qualcosa per cui le persone pagherebbero? Cosa ti vedi a fare per anni, anche se non è un lavoro ordinario?

Scegline uno e concentrati su quello. Affronta le tue paure, trova il tempo, e se possibile trasformalo in una carriera. I prossimi tre passi li farai con quello che hai scelto.

Tieni sempre a mente che se non funziona, potrai sempre provare la prossima cosa nella tua lista, non c’è vergogna nel tentare qualcosa e fallire, perché ti insegnerà lezioni preziose che ti aiuteranno ad avere successo nel prossimo tentativo.

8. Sconfiggi le tue paure

Questo è il più grande ostacolo per la maggior parte delle persone: l’insicurezza e la paura del fallimento. Bene, affrontala e sconfiggila.

Quello che sto per darti è un procedimento utile per affrontare ogni tipo di ansia.

  • Innanzitutto riconoscila, piuttosto che ignorarla o negarla
  • Mettila per iscritto, così da esternarla
  • Sentila scorrere, accettala
  • Chiediti qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere. In genere non è nulla di catastrofico. Inoltre facci caso, se ripensi alle tue vecchie paure, la cosa peggiore che immaginavi non è mai accaduta. Quando si ha paura si tende sempre a ingrandire quelle che potrebbero essere le conseguenze.
  • Preparati a farlo comunque, e poi fallo.

Ricordati l’importanza di dividere l’obiettivo in piccole parti. Fai piccoli passi, fai il passo più piccolo possibile e dimentica ciò che potrebbe accadere. Concentrati invece su ciò che sta realmente accadendo, proprio durante il processo. Infine celebra il tuo successo, non importa quanto sia piccolo.

9. Trova il tempo.

Davvero non hai tempo per seguire questa passione? Trovalo, smettila con le scuse. Tutti i giorni perdiamo tempo in tante piccole cose che ci tolgono energie. Trova il tempo perché questa è una tua priorità. Riorganizza la tua vita finché non avrai tempo. Questo potrebbe significare svegliarsi prima, oppure farlo dopo il lavoro, durante il pranzo oppure nel weekend. Probabilmente significherà annullare alcuni impegni, portarti avanti con il lavoro o rinunciare a qualcosa. Fai quello che serve perché non c’è niente di meglio che dedicare del tempo, per quanto poco possa essere, alla tua passione.

10. Guadagna da vivere grazie alla tua passione.

Questo non succede dall’oggi al domani. Potrebbe richiedere mesi o anni, ma se è una tua passione e ti stai divertendo, questa è la cosa più importante. Quando arrivi al punto in cui qualcuno ti pagherebbe per questo, allora è fatta. Ci sono molti modi per guadagnarsi da vivere quando arrivi a quel punto: fare consulenza, diventare un libero professionista, vendere infoprodotti come e-book, scrivere un blog e vendere pubblicità.

Ti consiglierei in effetti di aprire un blog se non lo hai già fatto, ti aiuterà a consolidare il tuo pensiero, a costruirti una reputazione e a trovare persone interessate in ciò che fai, oltre che a dimostrare la tua conoscenza e passione.

Conclusioni

Non ti ho mai detto che sarebbe stato facile. Questo percorso inizialmente richiederà che tu scavi in fondo alla tua anima e che rifletta molto per trovare la tua passione, poi avrai bisogno di molto coraggio, apprendimento e sperimentazione. Infine sarà necessario molto impegno e costanza.

Sappi però che ne vale la pena, vale ogni goccia di sudore. Alla fine avrai qualcosa che trasformerà la tua vita in tanti di quei modi che neanche immagini: ti darà quel motivo per saltare fuori dal letto e ti renderà felice, non importa quanto guadagni.

Spero che questa breve guida ti sia utile per trovare la tua vera passione.

Stefano.

Li hai già letti?